Cantina Mesa ed il Sulcis, stiamo parlando di un binomio che ogni appassionato del buon vino dovrebbe avere bene in mente. Già perché in questa magnifica provincia del profondo sud-ovest della Sardegna, dove fiorirono antichi popoli, si coltiva piu’ Carignano che Cannonau, e ovviamente Vermentino.

Oggi vi sorgono cantine che nel corso degli ultimi decenni hanno saputo esaltare le proprietà di questa area, illuminandola come una delle piu’ vocate di tutta l’isola.

Una fra queste è Mesa, di Sant’Anna Arresi, siamo a pochi km dalle imponenti dune bianche di Porto Pino, che separano il paese da Teulada.

Mesa già nel nome è accoglienza, calda come un vento estivo che copre tutta la Sardegna.

Mesa è una dedica alla Madre Terra o a qualcosa/qualcuno di celestiale, che ha reso questa zona fortunata e generosa nei secoli.

Mesa è l’intuizione di un uomo, Gavino Sanna, che ha sposato questo progetto di vita, volto a raccontare e tramandare le emozioni sulcitane in un bicchiere di buon vino.

Vi voglio presentare uno dei prodotti di lancio dell’azienda, che può allietarvi in queste calde serate estive, il Vermentino di Sardegna DOC “Primo Bianco”.

Fa parte della linea Base dell’azienda, ottenuto da uve Vermentino in purezza, allevato a spalliera e cordone speronato, esegue affinamento in acciaio e per due mesi in bottiglia.

Giallo paglierino con lievi riflessi verdolini, regala un profumo delicato, tutto basato sui caratteri floreali, sulla mela matura e sull’albicocca in confettura.

In bocca è di buona freschezza, secco ed ovviamente non manca una giusta verve sapida, la struttura è armonica e di giusto equilibrio al palato. Il ritorno olfattivo è di persistenza media sul fruttato.

Lo consiglierei per un aperitivo veloce di ritorno dal mare, pane carasau con crema di pecorino e scaglie di bottarga.

Rapporto qualità/prezzo: ottimo

Evoluzione prevista: bassa

Voto Vinogamia: 74/100

Leggere su VINOGAMIA, ti premia!

Partecipa GRATUITAMENTE al Nostro Concorso!

Leave A Comment